Solingo, la prima bicicletta elettrica a energia solare tutta italiana November 10 2013

Arriva la bici elettrica fotovoltaica, il primo ciclomotore ad energia solare. È italiano e promette di rivoluzionare il mercato della mobilità elettrica leggera e cittadina. Si chiama Solingo ed è in grado di utilizzare l'energia solare come fonte di alimentazione grazie a un pannello fotovoltaico installato sul bauletto posteriore, che fornisce energia per le ripartenze e la costante ricarica della batteria di riserva per non rimanere mai "a piedi". Sarà prodotto da Wayel , società del gruppo Termal, nata nel 2007 in collaborazione con Rinnova scrl, partecipata dell'Università di Bologna, all'interno del nuovo stabilimento industriale energeticamente autosufficiente, ZEB (Zero Energy Building) e antisismico, che coniugherà efficienza energetica, produzione industriale e sostenibilità ambientale. Dotato di un'autonomia elevatissima (115 km nella sua configurazione massima), il prodotto "consuma" meno di 50 cent per fare 100 km, ha una manutenzione ridotta e rientra in numerosi incentivi pubblici, dall'esenzione del bollo ai contributi statali per veicoli a basse emissioni complessive. Essendo un veicolo totalmente elettrico non produce, ovviamente, alcuna emissione nociva per l'ambiente e pertanto gode anche di facilitazioni da parte delle amministrazioni locali, come l'accesso a zone ZTL precluse ai normali veicoli a benzina.Solingo, insomma, inaugura la categoria dei Cityrunner, mezzi elettrici leggeri e versatili da utilizzare in città, ad una velocità massima di 35 km/h, in linea con le richieste delle associazioni che si occupano di mobilità sostenibile di estendere le zone 30, ovvero le aree in cui dovrebbe vigere un limite di velocità massima di 30 km/h.

Leggi anche: Su Ecoliving, lo shop dell'ecodesign, il design si fa sempre più green

I Depuratori CactusNext purificano l'aria dalle polveri sottili e abbattono i batteri 

SolarRoad, in Olanda la prima pista ciclabile al mondo che produce energia pulita.

In Olanda le ferrovie saranno alimentate solo con energia eolica.

Le strade di Rotterdam saranno realizzate in plastica riciclata.

Nel mare olandese iniziano i test di pulizia dalla plastica di The Ocean Cleanup di Boyan Slat

Carboon Engineering il muro che trasforma l'inquinamento in combustibile.