In Olanda le ferrovie saranno alimentate solo con energia eolica. October 05 2015

Grazie a un progetto promosso dalla compagnia energetica Eneco in collaborazione con la joint venture Vivens, entro il 2018 l'intera rete ferroviaria olandese sarà alimentata al 100% con energia pulita prodotta dalle turbine eoliche. Migliaia di megawatt di energia rinnovabile. Attualmente l’energia eolica copre il fabbisogno di elettricità di metà della rete ferroviaria olandese, circa 2.890. Il flusso di passeggeri sui treni in Olanda è molto alto: 1,2 milioni di persone al giorno usufruiscono dei servizi di trasporto su rotaia. Utilizzare esclusivamente energia pulita permetterebbe di ridurre notevolmente l’impatto degli spostamenti in treno. I trasporti sono responsabili del 20% delle emissioni di gas serra in Olanda. La compagnia Eneco fornirà alla rete ferroviaria 1,4TWh di elettricità, l’equivalente dei consumi della città di Amsterdam. La scelta della fonte rinnovabile da utilizzare per alimentare la rete ferroviaria elettrica in modo sostenibile è ricaduta sull'eolico per via della presenza di numerosi parchi eolici nel Paese. Per non mettere eccessivamente sotto pressione il parco eolico esistente e mantenere i costi bassi, Eneco utilizzerà per l’alimentazione delle ferrovie l’energia prodotta da impianti eolici destinati allo scopo. Per far fronte alla crescente richiesta di elettricità pulita l’Olanda importerà energia eolica anche dal Belgio e da alcune nazioni scandinave, sostenendo l’intera industria rinnovabile del Nord Europa. Uno degli obiettivi primari del progetto è proprio la promozione dell’energia eolica in Europa. Michel Kerkhof, account manager di Eneco, ha sottolineato che l’accordo raggiunto con la VIVENS rappresenta una rivoluzione non soltanto per il settore ferroviario, ma per l’intero comparto industriale: "Quello che rende unica questa partnership è che un intero settore ridurrà enormemente la sua impronta di carbonio, dando l’esempio ad altri settori". Il cambiamento sarà graduale: dalla metà di quest’anno, si passerà al 70 per cento il prossimo anno, al 95 entro il 2017 fino al totale nel 2018. Ma questo non è certo l'unico esempio di investimento nel settore delle rinnovabili per i Paesi Bassi. Recentemente, infatti, Rotterdam ha annunciato di voler costruire strade di plastica riciclata e un "mulino a vento" di ultima generazione per alimentare il porto. L'anno scorso a Krommenie è stata invece inaugurata la prima pista ciclabile solare.

Leggi anche: Su Ecoliving, lo shop dell'ecodesign, il design si fa sempre più green

Leggi anche: Le strade di Rotterdam saranno realizzate in plastica riciclata.

Leggi anche: SolaRoad, in Olanda la prima pista ciclabile al mondo che produce energia pulita.